A GRADISCA SI MUORE: SAPPIAMO CHI È STATO

Ieri, durante una protesta delle persone recluse, la polizia – in antisommossa – ha picchiato violentemente chi resisteva.

Secondo le voci dall’interno, uno di loro è stato picchiato violentemente. Oggi è morto, come conferma anche l’ospedale, dove era stato portato.

Da dentro, chiedono di diffondere questo video. Lo diffondiamo in piena solidarietà con tutti i reclusi e con un grande dolore per la morte di una persona, la prima persona a morire nel ri-aperto Cpr di Gradisca.

In memoria di quest’uomo, ancora senza nome, di Majid, morto nel 2013 a seguito delle proteste che portarono alla distruzione del Cie.

Seguiranno aggiornamenti, per capire le dinamiche e le responsabilità. Per ora sappiamo solo quello che già sapevamo: nei lager si muore.

*** aggiornamenti delle 20.30 (18.01.2020) ***

Un gruppo di solidali si è trovato stasera sotto il Cpr di Gradisca ed è riuscito a comunicare con i reclusi. Le persone rinchiuse hanno negato che ci sia stata una rissa tra di loro, come invece riportano i giornali. Secondo i reclusi, sono stati picchiati dalla polizia.

Il ragazzo che è morto voleva rientrare in Georgia. Secondo una prima ricostruzione pare che sia stato portato fuori dal Cpr, poi di nuovo al Cpr, dove è stato picchiato, da lì in ospedale, da dove è tornato morto. Pare che la moglie, che si trova in Georgia, sia già stata informata della morte, da altri reclusi o amici.

Che tutti i Cpr vengano distrutti.

17.1.2020 Aggiornamenti dal CPR di Gradisca

17/01/2020 – Alcuni aggiornamenti dal CPR:

Il Tg di mercoledì riporta di 22 accessi al pronto soccorso dal CPR di Gradisca. Le voci dal CPR dicono che gli accessi sono stati di più, raccontano che tutti i giorni in tanti si tagliano, in altri sbattono la testa contro il muro. Dicono che le persone sono esaurite dalla situazione e dal terrore di essere rimpatriate. Alcuni sono preoccupati per le famiglie, a cui non stanno inviando più soldi perché sono rinchiusi lì dentro.

Raccontano che la maggior parte delle persone che si autolesionano non vengono portate in ospedale ma ricevono una pomata e un tranquillante dentro il CPR.

Ci raccontano di stare sempre in gabbia, 6 persone in una gabbia che ha 6-7 passi d’aria. Ogni gabbia è connessa a una parte coperta dove ci sono 4 letti, c’è un bagno con una turca e una doccia. I vetri sono molto resistenti e nelle reti sopra la gabbia passa la corrente elettrica. Dicono che quelle gabbie fanno venire male agli occhi perchè si vede solo rete.

Le gabbie vengono aperte raramente, solo il capo degli operatori ed il direttore della struttura sembrano usare le chiavi. Ci raccontano che i contatti con gli operatori e il personale sanitario avvengono solitamente oltre le sbarre. Ci raccontano che il cibo continua ad essere consegnato sotto le sbarre, “come fossero cagnolini”.

Ci raccontano che la guardia di finanza è sempre presente dentro al centro in questi giorni, credono che stia lì per controllare le finestre rotte durante il weekend.

I giornale mercoledì diceva che tre delle cinque persone riuscite a scappare domenica sono state riprese e portate “in altre strutture non meglio precisate”. Le voci dal CPR, fino a ieri, sostenevano fossero in realtà ancora tutti liberi!

13.1.2020

🛑🛑🛑Dopo il presidio di sabato 11, la notte, i militari sono entrati nelle celle del CPR di Gradisca, hanno picchiato ed hanno preso le sim card di alcune delle persone con cui abbiamo parlato al presidio.
Ieri, domenica 12 gennaio dalle 14:00 alle 16 ci sono state rivolte nel CPR, nell’ala più vicina alla strada dove ci sono 5 celle da 6 persone ciascuna. Le persone recluse sono riuscite a rompere i vetri, a staccare i letti a raggiungere il muro e 8 sono riusciti a saltare oltre il muro. 3 sono stati riportati dentro il centro e picchiati, 5 sono riusciti a scappare, tra di loro alcuni ragazzi molto giovani. Un ragazzo dei 3 che sono stati riportati al CPR è stato portato in ospedale, un altro sta male. Un ragazzo marocchino oggi ha tentato di suicidarsi ed è stato fermato dagli altri.
In questo momento ci sono materassi in fiamme per riscaldarsi e vengono sparati gli estintori dentro le celle.
Che tutti i muri dei CPR cadano ! Tutti liberi e tutte libere!

VERSO L’11 GENNAIO

Il Cpr di Gradisca ha aperto il 16 dicembre, dopo un anno e mezzo dai primi annunci. Subito, ci hanno portato alcune persone già rinchiuse nei Cpr di Torino e di Bari-Palese, dove da mesi chi sta dentro sta resistendo con forza alla propria reclusione e alle deportazioni.

Il 17 dicembre, l’assemblea No Cpr è stata in presidio lì sotto, per provare a comunicare con chi stava venendo internato. Lo stesso giorno, la giunta comunale di Gradisca ha votato a favore dell’istituzione di un garante comunale per i dititti delle persone private della libertà.

Mercoledì 18 dicembre Atif, che viveva nel Cara di Gradisca, proprio a fianco del Cpr, è morto annegato nell’Isonzo. Prima di lui, nell’Isonzo erano morti Taimur nel 2015, Zarzai nel 2016 e Sajid, qualche mese fa.

Domenica 28 dicembre, la sindaca Linda Tomasinsig (Pd) ha scritto su facebook: “Tutti sanno quale sia la mia posizione sul CPR: lo vorrei chiuso e basta. […] Ma i mezzi con i quali manifestare questo forte, assoluto dissenso non possono contemplare il danneggiamento e la violenza. Perciò condanno in modo altrettanto forte il gesto di chi, presumo la notte tra giovedì e venerdì, ha lordato con lo spray i muri di un palazzo storico e di una attività commerciale a Gradisca.” Il Partito democratico è da sempre favorevole ai Cpt e Cie, e i Cpr sono infatti un prodotto della legge Minniti-Orlando.

Domenica 30 dicembre, alcune delle persone recluse a Gradisca hanno ingoiato lamette, palline da ping pong e sapone per riuscire a essere portate in ospedale, fuori dal Cpr. Questi atti di autolesionismo sono forme di resistenza che le persone recluse hanno sempre praticato.

La notte di Capodanno, un ventinovenne algerino è morto sul Carso triestino davanti alla moglie e a un amico, al termine del suo viaggio lungo la rotta balcanica. Chi, come loro, arriva in Italia attraverso quella o altre rotte rischia poi, se non può regolarizzare la sua condizione, di finire in un Cpr.

Due sezioni del Cpr di Gradisca sono al momento piene. La terza non è agibile per un problema al riscaldamento. A pieno regime, il Cpr di Gradisca conta 150 posti.

In Italia, stanno aprendo nuovi Cpr. Dopo quello di Gradisca, è stata annunciata l’apertura di quello di Macomer in Sardegna e di quello di Milano. Sabato 11, ci saranno tre presidi contemporanei davanti a tre Cpr italiani:

–> A Gradisca:

https://www.facebook.com/events/3402904889751245/

–> A Torino:

https://www.facebook.com/events/457425381600044/

–> A Ponte Galeria (Roma):

https://roundrobin.info/wp-conte…/uploads/…/01/11gennaio.png

Ci vediamo lì.

8.1.2020

Verso l’11 gennaio.

Ogni Cpr è gestito da qualcuno: una cooperativa, un’azienda, una misericordia. Il Cpr di Gradisca è gestito dalla cooperativa Edeco di Padova.

In questo comunicato di qualche tempo fa abbiamo ricostruito la storia di Edeco: oggi lo ricondividiamo, avvicinandoci Ha aperto un lager a Gradisca – manifestazione. Ci vediamo là tra qualche giorno.

“Il 21 agosto 2019, la Prefettura di Gorizia ha aggiudicato la gestione del CPR di Gradisca (GO) alla cooperativa EDECO di Padova. La base di gara era di 28,80 euro giornalieri per ogni recluso, più 150 euro per ogni kit d’ingresso: la cooperativa EDECO ha vinto con un ribasso dell’11% su entrambi. Si avvicinerebbe dunque la data di (ri)apertura del centro di “detenzione amministrativa” per stranieri privi di titolo di soggiorno, chiusa nel 2013 grazie alle rivolte degli stessi rinchiusi, durante una delle quali Majid, un uomo marocchino di 35 anni, cadde dal tetto mentre cercava di scappare dal lager in cui era stato rinchiuso, morendo dopo nove mesi di coma farmacologico.

CHI È EDECO?

EDECO viene fondata da Paolo Borile, ex Dc, ex consigliere provinciale di Forza Italia, ex membro del CdA dell’Ater, ex presidente del Parco Colli Euganei. Si tratta di una cooperativa nata dalla scissione della coop Ecofficina Educational, a sua volta emersa dall’azienda per la gestione dei rifiuti Padova Tre Srl, all’interno del Consorzio Padova Sud. Oggi, è una cooperativa sociale (A+B) che gestisce 6 asili nido e 3 scuole dell’infanzia e alcuni doposcuola e centri ricreativi in provincia di Padova e coordina molti progetti nell’ambito del cosiddetto turismo sociale. Gestisce un progetto SPRAR del Comune di Padova e 17 immobili destinati alla “accoglienza diffusa”, in affidamento da parte delle Prefetture di Padova, Venezia e Rovigo, per le quali coordina il lavoro gratuito delle persone “accolte”, così come di quelle carcerate. Gestisce poi delle strutture per minori non accompagnate/i (MSNA).

EDECO dice di basarsi “sui valori fondamentali dell’accoglienza, della carità e della crescita individuale” ma è nota perché coinvolta in vari processi e perché aveva in gestione il campo di Cona (VE), un campo-lager. Se sul sito di EDECO si dichiara la preferenza per la cosiddetta accoglienza diffusa e le strutture di piccole dimensioni, nondimeno EDECO gestisce, in proroga di gara d’appalto, due dei cinque Centri di Accoglienza Straordinari (CAS) di grandi dimensioni del Veneto: si tratta delle ex basi militari di Conetta (VE) e Bagnoli (PD). Nel complesso, nel 2017, EDECO ha distribuito più di 540mila pasti; dal 2010 ha ricevuto denaro per la gestione di più di 10mila richiedenti asilo.

Tra novembre 2015 e giugno 2016, i centri “di accoglienza” gestiti da EDECO – che dovrebbero “ospitare” 99 persone per 749 mila euro (novembre 2015-giugno 2016) secondo il contratto con la Prefettura – arrivano a riempirsi di 300 persone, per un guadagno di 2 milioni di euro. Testimonianze di chi è stato all’interno delle strutture EDECO parlano di cibo scadente, cure scadenti o assenti, letti orribili, riscaldamento malfunzionante e caldo soffocante d’estate, nessun armadietto personale, ammassamento di persone senza tenere conto delle provenienze, rumore continuo che impedisce il sonno, vestiti recuperati chissà dove, corsi di italiano finti (classi di 70 persone composte indifferenziatamente da analfabeti e laureati, anglofoni e francofoni e asiatici), nessuna forma di integrazione, nessuna assistenza legale, assistenza psicologica penosa, nessuna assistenza alla ricerca di una occupazione.

Il centro di prima accoglienza di Cona consisteva in una serie di tende all’interno di una base missilistica NATO dismessa. Le brandine erano ammassate a causa del sovraffollamento e la mensa non prevedeva neanche la possibiltà di sedersi per consumare i pasti. In questa struttura – che secondo l’Asl aveva 450 posti – si arrivano ad ammassare 1700 persone, con 17 operatori (dei 43 previsti dal bando). Il 2 gennaio 2017, Sandrine Bakayoko, una donna ivoriana di 25 anni, muore nei bagni del centro: i richiedenti asilo accusano i gestori del campo di aver chiamato i soccorsi in ritardo e danno il via a una rivolta che dura molte ore. Nell’autunno 2017, da Cona parte la Marcia per la dignità, una grande manifestazione collettiva con la quale le persone costrette a vivere nell’hub denuncianno le condizioni di vita a Cona e riescono a ottenere una riduzione del sovraffollamento.

A maggio 2015, la pm Federica Baccaglini apre un fascicolo sul bando Sprar a Due Carrare (PD): Ecofficina si sarebbe aggiudicata l’appalto nonostante non avesse i due anni di esperienza in gestione dell’immigrazione richiesti dal bando. In seguito, ci sono state indagini della Guardia di Finanza sui conti delle due cooperative e dei Carabinieri sugli addetti alle pulizie e sui maltrattamenti nelle strutture di Montagnana. A gennaio 2020, dovrebbe partire il processo per corruzione, abuso d’ufficio, turbativa d’asta e falso, frode nelle pubbliche forniture, che vede imputati i gestori EDECO, i due ex vice prefetti Pasquale Aversa e Alessandro Sallusto e Tiziana Quintario, ex funzionaria della Prefettura di Padova.

Ad oggi, due filoni di inchiesta sono in atto per Padova Tre srl: il primo vede imputati vari dirigenti della cooperativa Ecofficina o della multiutility Padova Tre srl: sono accusati a vario titolo di falso materiale, frode in pubbliche forniture, peculato, emissione di fatture per operazioni inesistenti; il 30 luglio 2019, la procura di Rovigo ha comunicato a dodici ex dirigenti di Padova Tre srl (fallita con un buco di 40 milioni) la conclusione delle indagini del secondo filone: rischiano il processo con accuse quali bancarotta fraudolenta o documentale, false comunicazioni soiali e bancarotta preferenziale.

Nonostante le indagini in corso, EDECO si continua ad aggiudicare appalti per la gestione dell’immigrazione.

La nostra lotta contro il CPR prescinde da chi se ne aggiudica la gestione: il CPR è un lager e non esiste una maniera etica di amministrarlo. Tuttavia, questa assegnazione a EDECO rende ancora più palese cosa rappresentano le persone senza documenti per chi gestisce questi lager: nient’altro che numeri da cui trarre profitti.

Poco importa che la gestione del CPR sia affidata a EDECO, o a un’altra impresa che sceglierà di fare ricorso. Il CPR di Gradisca non deve aprire: chiunque abbia partecipato al bando e chiunque abbia votato a favore dell’esistenza dei CPT/CIE/CPR è responsabile dell’esistenza dei campi di concentramento italiani del XXI secolo.

Assemblea contro il CPR e le frontiere / proti CPR in proti mejam”

da QUI

6/1/2020

Le persone recluse nel CPR di Torino sabato sera hanno iniziato a demolire il CPR. Domenica sono stati picchiati e sette di loro arrestati e accusati di essere i responsabili degli incendi.
Domenica scorsa nel CPR di Gradisca delle persone recluse hanno ingoiato lamette, palline da ping pong e sapone per riuscire ad essere portate in ospedale, fuori dal CPR.
Una volta che le persone vengono rinchiuse in questi posti atroci e razzisti la distruzione e le autolesioni diventano due tra le poche vie possibili per impedire le deportazioni. A noi, fuori da tutti i CPR, spetta portare la solidarietà e il supporto a chi nei CPR viene rinchiusa/o e rompere l’isolamento in cui le/li vorrebbero.

Sabato pomeriggio ci saranno tre presidi/manifestazioni contemporanei davanti ai CPR:

–> A Gradisca:
https://www.facebook.com/events/3402904889751245/
–> A Torino:
https://www.facebook.com/events/457425381600044/
–> A Ponte Galeria:
https://roundrobin.info/wp-conte…/uploads/…/01/11gennaio.png

Veniteci!
Che i muri dei CPR cadano!

3/1/2020

Veniamo a sapere che alcune delle persone “trattenute” all’interno del Cpr di Gradisca (in realtà rinchiuse, senza libertà di movimento, con pochissimo spazio personale a disposizione e privi di servizi fondamentali) hanno commesso atti di autolesionismo e sono state ricoverate in ospedale. Purtroppo, non si tratta di una situazione nuova: da quando esistono i Cpt (poi Cie e ora Cpr), le persone al loro interno hanno fatto di tutto per evadere, denunciare la loro situazione, distruggere i lager in cui sono rinchiusi solo perché privi di un pezzo di carta.
Esattamente due anni fa, nel centro di “accoglienza” di Cona (Venezia) morì Sandrine Bakayoko, una ragazza ivoriana di 25 anni, chi gestiva il centro non chiamò i soccorsi in tempo. La risposta delle altre persone “accolte” a Cona fu una rivolta che durò molte ore, in seguito alla quale il campo di Cona venne chiuso. La gestione del campo era stata affidata alla cooperativa Edeco, poco dopo coinvolta anche in processi giudiziari per rivelazione del segreto d’ufficio, corruzione, turbativa d’asta e altri reati.
La famigerata cooperativa EDECO ha vinto anche la gara d’appalto per gestire il Cpr di Gradisca, che è stato aperto due settimane fa.

Tutta la nostra solidarietà va alle persone rinchiuse nel CPR di Gradisca ed in tutti i CPR. Il nostro impegno sarà continuare a fare uscire le loro voci al di fuori di quelle maledette mura.

Non vogliamo lager, né qui, né altrove!

https://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2020/01/03/news/migranti-tentano-la-fuga-dal-cpr-di-gradisca-ingoiando-sapone-lamette-e-palline-da-ping-pong-1.38282324