Testo del volantino distribuito al presidio di Sabato 23 Febbraio

 


CROAZIA : SBIRRI D’EUROPA


Nel 2016, l’Unione Europea ha firmato un accordo con la Turchia con il quale esternalizza alla dittatura di Erdoğan la responsabilità di fermare con tutti i mezzi le persone che tentano di raggiungere l’UE via terra attraverso la rotta balcanica; in più, l’accordo dichiara la Turchia “Paese terzo sicuro” e quindi permette il respingimento delle persone dalla Grecia alla Turchia, in cambio di 6 miliardi di finanziamenti europei. Si tratta dello stesso meccanismo degli accordi Italia-Libia, che danno alle milizie libiche la responsabilità di fermare con tutti i mezzi le persone che tentano di raggiungere l’UE via mare, attraverso la cosiddetta Central Mediterranean route.

Nonostante l’accordo, e nonostante migliaia di persone siano in effetti ferme in Turchia e sulle isole greche, la rotta balcanica è aperta e in migliaia si muovono ogni giorno per arrivare in Europa. Oggi, migliaia di persone sono bloccate in Bosnia e Serbia e da lì tentano continuamente di attraversare i confini, a piedi o con altri mezzi. L’UE, per impedire alle persone migranti di entrare, ha iniziato da tre anni la pratica dei respingimenti, illegali secondo le stesse norme europee. Un respingimento (in inglese: pushback) consiste nel bloccare le persone in transito, non permettere che richiedano asilo e deportarle oltre il confine europeo. Spesso la pratica del respingimento illegale prevede anche atti di violenza fisica e verbale, a scopo deterrente, da parte di squadre organizzate della polizia croata. La polizia croata sequestra sistematicamente le persone, le deruba dei soldi e del cellulare e le manganella, anche se si tratta di bambine-i. Medina, una bambina di 6 anni, è stata ammazzata il 21 novembre 2017 in un respingimento verso la Serbia. Dal 2018, la Slovenia si è inserita strutturalmente in questo meccanismo, mentre l’Italia ha svolto alcune deportazioni, dimostrandosi così interessata a entrare sistematicamente nell’ingranaggio.

La Croazia – che entrerà nell’area Schengen nel 2020 – riceve continuamente finanziamenti dall’UE proprio per la gestione delle frontiere: ad oggi, ha ricevuto 23,3 milioni con clausola emergenziale – di cui 6,8 a dicembre – e 108 milioni attraverso altri fondi (Fondo asilo, migrazione e integrazione e Fondo sicurezza interna 2014-2020). “Croatia is our close friend”, ha dichiarato Angela Merkel lo scorso agosto, quando le denunce delle violenze erano già note.

La proposta per il prossimo bilancio a lungo termine UE (2021-2027) prevede un contributo di 21,3 miliardi di euro per la “protezione delle frontiere esterne”, la quale “si baserà sul lavoro svolto negli ultimi anni”. Parte di quei soldi dovrà essere usata anche per la “lotta contro il traffico di migranti”, cioè per intercettare i trafficanti, che sono le persone che sulla rotta balcanica speculano sull’esistenza dei confini chiusi, facendo pagare passaggi o informazioni. La caccia ai trafficanti nella rotta balcanica è in realtà soltanto un pretesto per distrarre l’attenzione dalla violenza della vita lungo la rotta e fingere che l’Unione Europea si stia adoperando a combattere una forma di criminalità che invece contribuisce ad alimentare. I trafficanti esisteranno finché per molte persone – appartenenti a certe nazionalità e classi sociali – non ci saranno vie legali per entrare in Europa: senza possibilità di ingresso regolare le persone continueranno ad affidarsi ai trafficanti e a morire lungo la rotta.

Oggi, chi vuole confini chiusi, sfruttamento e guerra è sempre più forte.

Siamo qui davanti al consolato croato per informare sulle violenze della polizia croata, la sistematicità dei respingimenti lungo la rotta balcanica, anche dall’Italia e la connivenza di tutti gli Stati europei. Siamo qui per dire che c’è una sola soluzione praticabile alla fine di questo ciclo di violenze: l’abbattimento delle frontiere e la libertà di movimento per tutt*. Siamo qui per incitare ad agire di conseguenza, nessun’altro lo farà per noi.

Assemblea no CPR-no frontiere

Siti di riferimento:

nofrontierefvg.noblogs.org (IT)

lungolarottabalcanica.wordpress.com (IT)

www.borderviolence.eu (EN)

www.nonamekitchen.org (EN)


INFORMAZIONI SULLO SGOMBERO DELLO SQUAT A SID (Serbia)

A Sid, al confine tra Croazia e Serbia, c’è un gruppo di attivisti solidali e  volontari dell’organizzazione indipendente “No Name Kitchen” . Persone che passano le giornate con chi cerca di attraversare la frontiera europea ma si rifiuta di permanere nei campi governativi serbi, fornendo cibo per cucinare assieme, docce, aiuto medico quando le persone tornano dopo un respingimento -sempre violento- svolto dalla polizia croata e slovena soprattutto -ma anche italiana- e altre poche cose di prima necessità. Il punto di ritrovo giornaliero tra attivisti e migranti era, da molto tempo, un vecchio edificio diroccato nella jungle di Sid, chiamato Squat, al cui interno vi erano anche alcune tende.

Il 20 febbraio è stato violentemente sgomberato, qui il resoconto della giornata, scrittoci da un attivista.


LA NOSTRA SOLIDARIETÀ E IL NOSTRO AFFETTO VANNO AI MIGRANTI E ALLE ATTIVISTE ED ATTIVISTI A SID.


All’alba, con il supporto di unità e mezzi non locali, la polizia di Šid inizia a muoversi in direzione della fabbrica abbandonata. Riceviamo le prime chiamate e richieste di aiuto dai migranti alle 6:40 e ci muoviamo immediatamente. Con il furgoncino cerchiamo di andare allo squat il più rapidamente possibile, e quando ci avviciniamo stimiamo a spanne che siano presenti 30-40 agenti e 15 tra furgoncini e pantere. Cerchiamo di entrare allo squat e registrare video, e subito veniamo fermati e condotti alla stazione di polizia locale, dove vediamo tutti i migranti dello squat. Stanno in un recinto, tranquilli ma sorvegliati da un ingente numero di poliziotti e incerti su quello che accadrà. Riusciamo ad avvicinarci e immediatamente riportano a metà tra il pashto e l’inglese:

“Khema, telephone, kampal, money: tool hatamdi. Police boxing” (Tende, telefoni, coperte, soldi: tutto finito. La polizia ci ha picchiati).
Alcuni zoppicano, altri tengono una mano sulla testa, sul volto o sugli arti. Evidentemente molti di loro sono feriti.
Nel frattempo 3 di noi sono in un ufficio della stazione di polizia, così che possiamo vedere tutto quello che succede nel giardino. La scena riporta alla mente i film ambientati in Germania attorno al 1942.

Ore 7:20: gli altri volontari, allertati dal gruppo delle 6:40, arrivano alla stazione di polizia

Un’altra volontaria si avvicina alla stazione di polizia per sorvegliare quello che sta accadendo all’interno. Riesce a vedere parte dei migranti chiusi nel recinto e sorvegliati. Cerca di avvicinarsi ma viene respinta. Poco dopo, altre quattro la raggiungono e due di loro decidono di provare a girare un video col telefono per segnalare eventuali violenze o irregolarità. Un agente di alto grado mima il gesto dell’indice che passa sul collo. A quel punto le due vengono trascinate dentro la stazione di polizia fino al cortile dove le persone sono ammassate dentro al recinto. Dalla finestra possiamo sentire che gli animi sono caldi, e riusciamo finalmente a vedere un vespaio di poliziotti chinati per terra, dal quale dopo qualche secondo emerge la figura di una delle due volontarie. La stessa cosa succede con l’altra, l’immagine è quella di una ragazza minuta strattonata per i capelli da almeno 4 agenti. Il più basso gira sul metro e ottantacinque per 85 chili. Gli strattoni non terminano, e in un paio di minuti le due vengono trascinate nell stessa nostra stanza. Una delle due viene letteralmente appesa al muro da un poliziotto evidentemente sovreccitato. La regge per il collo con una mano in modo tale che lei non riesce a respirare. Misuro questo agente, è nettamente più alto di me e io sono alto un metro e ottanta. La ragazza non supera il metro e sessanta. Seguono attimi di tensione che infine riusciamo a sedare.

Le tre volontarie che non erano entrate nella stazione di polizia vanno allo squat per cercare di limitare i danni: salvare le tende, le coperte e gli zaini, recuperare i cavi del sistema elettrico, le luci, e la tanica d’acqua dalla distruzione e per avvertire i migranti in procinto di tornare allo squat dal game di starci alla larga. Trovano i lavoratori dell’azienda incaricata di trarre tutti gli oggetti presenti allo squat in discarica, uno di loro inizia a registrare le volontarie e chiama al polizia. Le volontarie spiegano, sia ai lavoratori che ai poliziotti sopraggiunti, che tutto il materiale presente nello squat appartiene a No Name Kitchen e che si tratta di donazioni internazionali a carattere umanitaria. I 4 agenti stringono in mano il manganello. Le volontarie iniziano a caricare il nostro furgoncino con tutto quello che possono trovare, ma vengono nuovamente fermate dalla polizia, che ci spiega che lo sgombero è stato voluto dal proprietario e che ha chiesto che venga tutto rimosso. Comunque assicurano loro che potremo recuperare tutto il materiale, intatto, nel pomeriggio. (Questa mattina abbiamo contattato il proprietario che ci ha detto di essere allo scuro di tutto quanto). Le tre vengono poi fatte entrare in un furgoncino della polizia e condotte nella stazione di polizia e negate della possibilità di chiamare chicchessia, altri volontari, avvocato o ambasciata. Là il gruppo si ricompatterà.

Ore 9:30: tutti i volontari si trovano alla stazione di polizia e inizia il trasporto dei migranti nei campi serbi

Il gruppo di volontari si ricompatta nell’ufficio della stazione di polizia da dove si vede il cortile antistante. L’attenzione degli agenti è incentrata sui migranti, il nostro fermo pare essere dovuto a evitare che registriamo video o raccogliamo prove degli abusi e delle violenze. I nostri cellulari sono requisiti e riceviamo ripetuti ordini di sbloccarli affinché i video possano essere cancellati. Non abbiamo accesso a un avvocato nonostante le continue richieste. Chiediamo:

  • What are you going to do with our mobile phones?

  • Nothing special.

  • The same thing you did to the migrants’ phones?

  • Yes.

Tutti gli agenti, alla vista della ragazza che era stata palpata, minacciata e stretta per la gola contro il muro, cercano disperatamente di non ridacchiare. Non tutti ce la fanno. Un agente anziano, a un novellino, comunica in serbo:

  • Guarda quante ragazze da tutto il mondo, ne puoi scegliere una per questa notte.

L’aggressività degli agenti cresce nuovamente quando ci obbligano ad andare in una seconda stanza per essere denudati, controlli supplementari. Il nostro sospetto è che mirino all’umiliazione e non al controllo di sicurezza, e quindi cerchiamo di rifiutarci per quanto possiamo. Quando viene detto esplicitamente che la procedura sarà attuata anche in modo coatto finalmente accettiamo. A una a una le volontarie vengono condotte in una stanza e spogliate. Quando arriva il mio turno (sono un ragazzo), mi alzo ma vengo fermato: i controlli non sono necessari. A questo punto ci guardiamo tutte quante, è evidente che non ci siano dubbi attorno alla nostra eventuale pericolosità perché io non vengo in nessun momento controllato (dentro le mie tasche avrei potuto avere qualsiasi cosa al posto del portafoglio) e che i controlli abbiano seguito il solo criterio dell’identità di genere. Erano mirati all’umiliazione. Rimaniamo nella stazione di polizia fino all’una, in attesa che il trasporto dei migranti sia completo.

Il giorno dopo

Le nostre considerazioni su quanto accaduto ieri sono concordanti. La violenza della polizia sui migranti è inutile, lo stesso risultato si sarebbe potuto ottenere senza l’impiego della forza. Privarli dei pochi beni che possiedono significa gettarli ulteriormente nell’indigenza. Gli abusi subiti dalle due volontarie (così come quelli subiti dai migranti, dei quali siamo ancora a conoscenza di una minima parte a dire il vero) si sono verificati da un lato per una scarsissima sensibilità dell’intero personale della polizia di Šid in tema di diritti civili e umani, e dall’altro per lo stato d’animo sovreccitato e assai poco professionale degli agenti che si sono mostrati, quando non aggressivi, ilari ed elettrizzati. La nostra pericolosità sta nella possibilità di far uscire la notizia attraverso le nostre testimonianze e i video. Se decideremo di pubblicarli sappiamo che soffriremo delle ripercussioni, perché agli agenti, coscienti non poterli eliminare permanentemente, hanno già avanzato le minacce del caso. La loro azione è stata possibile unicamente perché i rapporti di forza tra noi, i migranti e loro non corrispondono ai limiti stabiliti dalla legislazione serba. Durante tutto il corso della giornata il personale dei campi, che pure ci tiene a precisare di appartenere al commissariato e non alle forze di polizia, si è mostrato a tratti cosciente degli abusi della polizia ma connivente, a tratti complice e aggressivo. In generale, raccogliere le informazioni dei migranti esclusivamente nei campi risponde ad una logica perversa: se la presenza di campi si rende necessaria in contesti di emergenze umanitarie per distribuire generi di prima necessità e proteggere gli esodati, nei Balcani i campi si rendono utili unicamente per spostare i migranti lontano dalle città.

 

I CONFINI UCCIDONO

I CONFINI UCCIDONO

SABATO 8 DICEMBRE H 11:00 PRESIDIO IN PIAZZALE MONTE RE AD OPICINA (TS) IN SOLIDARIETÀ ALLE PERSONE FERITE NELL’INCIDENTE CAUSATO DALL’INSEGUIMENTO DEI MILITARI.

Martedì 4 dicembre a Opicina (TS) è avvenuto un grave incidente che ha visto coinvolti un furgone con a bordo dodici persone migranti ammassate e un’auto con tre persone locali. Mentre veniva inseguito dai carabinieri per non essersi fermato a un posto di blocco al confine,il furgone ha tamponato l’automobile. Ci sono stati 17 feriti: alcuni sono gravi.

Quanto è accaduto è solo uno dei tanti episodi che avvengono quotidianamente lungo la cosidetta “rotta balcanica”, percorso duro, pericoloso e costoso attraversato quotidianamente da persone di diversi Paesi per entrare nella “fortezza Europa”, per cercare una vita migliore o per sottrarsi a persecuzioni, guerre, catastrofi ambientali.

In questi mesi, il collo di bottiglia (cioè il punto più duro e pericoloso della rotta) è l’attraversamento della Croazia e della Slovenia. Si tratta di Paesi europei che, grazie ai finanziamenti EU, bloccano sistematicamente i migranti in rotta non permettendo la richiesta asilo, li consegnano a squadre speciali di polizia croata che li umiliano e pestano per poi respingerli oltre la fortezza (in Bosnia o in Serbia).

Questa prassi è quotidiana e documentata. Molte persone non ce la fanno a riprovare immediatamente dopo essere state respinte e rimangono così bloccate nei campi profughi in Bosnia e Serbia, costrette in condizioni terribili, alcune volte letali. Chi non viene respinto, alcune volte ce la fa, altre muore, come è successo dieci giorni fa a Nassim, di Tizi Ghneif (Al Mizan, Algeria) di 25 anni, morto annegato in Slovenia, nel fiume Reka, nei pressi di Topolc mentre scappava dalla polizia; o a Ibrahim Ahmad, di Damasco (Siria) di 44 anni, che è stato visto l’ultima volta pochi giorni fa, cadendo nel fiume Dobra tra Croazia e Slovenia. I compagni di viaggio di Nassim, sono stati picchiati e respinti in Bosnia, compreso uno che è prima stato portato in ospedale perché collassato nel vedere Nassim non riemergere dal fiume.

Tutto ciò avviene perché le persone non hanno la possibilità di muoversi liberamente in Europa, perché esistono confini chiusi il cui attraversamento legale è concesso con il contagocce a poche persone privilegiate, e per la maggior parte delle persone è impossibile. Per questo, le uniche vie che possono essere tentate per entrare nella “fortezza” sono le marce notturne nei boschi, o nascondersi sotto i camion o nei container, o ancora pagare qualcuno per dei passaggi o dei consigli (i cosidetti trafficanti o passeurs o smugglers) o ammassarsi in un furgoncino.

L’inseguimento di martedì viene da questa situazione: sarebbe potuto finire con altre morti causate dal confine.

Rifiutiamo in maniera assoluta la retorica che vuole criminalizzare per l’accaduto quelle 12 persone che si stavano giocando la vita, per ritrovarne una. A loro va la nostra solidarietà, come a tutte le persone ferite nell’incidente.

Rifiutiamo anche la retorica manipolatrice che grida all’inumanità degli smugglers via terra, cercando di additarli come il problema di questa situazione. Gli smugglers sono persone che sfruttano economicamente l’esistenza dei confini: esisteranno fino a quando esisteranno i confini e persone che vogliono attraversarli ma non possono farlo.

Il problema è che il confine è chiuso. Un confine chiuso è un pericolo per la vita di chi vuole attraversarlo. Chi arriva non è un pericolo, è una persona. Il pericolo sono i militari sul confine: è a causa dei militari sul confine che queste persone hanno rischiato di morire nell’incidente a Opicina e ogni giorno rischiano di morire nell’attraversare i confini della rotta balcanica.

[Il PD, in seguito all’accaduto, ha richiesto un inasprimento dei controlli, un turnover delle forze dell’ordine per bloccare i trafficanti di uomini, in un becero tentativo di oscurare, ancora, la realtà in cui viviamo.]

La colpa di questa situazione intollerabile è di chi esalta e chiude i confini, di chi promulga leggi razziste e costruisce lager per le persone senza documenti.

I confini uccidono ogni giorno, qui come ovunque nel mondo.

La libertà di circolazione per tutte e tutti è l’unica soluzione possibile e praticabile perché tutto questo finisca.

proti mejam! rabbia contro i confini e chi li difende! solidarietà senza frontiere!

CAMMINATA NO BORDER!

domenica 7 ottobre
h. 10.30, ritrovo a Draga

[porta qualcosa da mangiare per il pranzo condiviso!]

(di fronte alla locanda Mario)

I confini sono un’invenzione, ma un’invenzione che ammazza, da sempre.
Ogni giorno, decine di persone tentano di raggiungere l’Europa attraverso
la rotta balcanica: attraversano confini di nascosto rischiando di essere
prese e respinte, derubate e menate dalla polizia, rischiando di morire.
Noi, che possiamo muoverci di qua e di là dal confine
quando e come ci pare, solo perché siamo bianche e cittadine,
siamo solidali con chi ci rischia la vita.
Attraversiamo la frontiera insieme per dire che rifiutiamo la sua esistenza
e che siamo contro e chi la fa esistere e funzionare. Denunciamo la violenza
di questo confine e di quello dell’area Schengen (sloveno-croato),
denunciamo i respingimenti illegali dalla Slovenia e la violenza della
polizia croata. Denunciamo le condizioni nelle quali l’Unione Europea
condanna i migranti in Bosnia. Denunciamo la pazzia delle reclusioni sulle
isole greche. Denunciamo la violenza dei CPR – che sono dei lager di Stato
– e la costruzione di un CPR a Gradisca d’Isonzo.
Qui diciamo che i confini ci fanno schifo,
che vanno distrutti, che li vogliamo distruggere.
Vogliamo la demilitarizzazione del Carso e della frontiera.
Vogliamo la libertà di movimento incondizionata per tutti gli esseri umani.
VIA I FASCISTI E IL CORPO MILITARE,
PIÙ NOMADI E MONTANARE!

 

[la camminata sarà fatta anche in caso di pioggia: garantiamo pranzo sociale al coperto!]


PROGRAMMA della GIORNATA:

h 10.30 – ritrovo a Draga (piazzetta attigua alla Locanda da Mario).
PASSEGGIATA NO BORDER e sconfinamento in Slovenia con letture condivise.

A seguire – ritorno a Draga e PRANZO CONDIVISO (cucina e porta ciò che vorresti trovare!)

IN CASO DI PIOGGIA LA PASSEGGIATA SI TERRÀ COMUNQUE IN FORMA BREVE, SEGUIRÀ IL PRANZO SOCIALE AL COPERTO!


Qui la versione stampabile: CAMMINATA NO BORDER 2xpagina CAMMINATA NO BORDER


POHOD
BREZ MEJE!
nedelja, 7. oktober
ob 10.30, zbor v Dragi
(pred gostilno locanda Mario)
[prinesi nekaj hrane za skupinsko kosilo!]

Meje so izum, ampak izum, ki ubija, že od nekdaj.
Vsak dan na desetine ljudi poskuša doseči Evropo po balkanski poti:
skrivoma prečkajo meje in pri tem tvegajo, da bodo odkriti in zavrnjeni,
oropani in pretepeni s strani policije, tvegajo smrt.
Me, ki se lahko prosto gibamo čez mejo,
kadar in kakor se nam zazdi, samo zato ker smo bele in državljanke,
smo solidarne s tistimi, ki tvegajo življenje.
Prečkajmo mejo skupaj, da povemo, da nasprotujemo njenemu obstoju
in da smo proti tistim, ki jo udejanjajo. Obsodimo nasilje te meje in tiste šengenske
med Slovenijo in Hrvaško, obsodimo nezakonite vrnitve iz Slovenije in
nasilje hrvaške policije. Obsodimo pogoje na katere Evropska unija obsoja migrante v
Bosni in Hercegovini. Obsodimo norost zaporov na grških otokih.
Obsodimo nasilje italijanskih centrov CPR – ki so državna koncentracijska taborišča –
in izgradnjo CPR v Gradišču ob Soči.
Tu pravimo, da se nam meje gnusijo,
da jih je treba uničiti, da jih hočemo uničiti.
Hočemo demilitarizacijo Krasa in meje.
Hočemo brezpogojno svobodo gibanja za vse ljudi.
PROČ S FAŠISTI IN Z VOJSKO,
VEČ NOMADOV IN POHODNIC!
nofrontierefvg.noblogs.org
[pohod bo tudi v primeru dežja, zagotovljeno skupinsko kosilo pod streho!]


NATISNITE: pohod brez meje, Pohod brez meje A5


 

Presto pubblicheremo materiale

Pe ora non abbiamo pubblicato nulla in questa sezione, ci stiamo lavorando.

Se sei interessata/o a contribuire e ti ritrovi nel “chi siamo”, vieni ad assemblea.